TRUFFA TELEFONICA

SQUILLO SENZA RISPOSTA,  COME FUNZIONA E COME DIFENDERSI

Pericolo truffa telefonica conosciuta come la “truffa della chiamata senza risposta”, dal momento che inizia come un apparente squillo che i cybercriminali sono soliti inviare ad orari in cui c’è più possibilità che l’utente non possa rispondere come la notte o in orario lavorativo.

CANALE YOUTUBE

Lo scopo

è quello di far cadere nella trappola l’utente chiamato il quale a sua volta, istintivamente richiama il numero e la richiamata, che nella maggior parte dei casi è preceduto da un prefisso estero, porta all’addebito di uno o due Euro in pochi secondi ed all’attivazione di più servizi ad abbonamento che, conseguentemente, provocano altri addebiti non richiesti sul numero di telefono. La richiamata provoca dunque la truffa ai danni degli utenti ed il consiglio per difendersi da tale tecnica, è bloccare il numero subito e non richiamare mai numeri sconosciuti. In effetti la truffa consiste nella risposta affermativa pronunciata che verrà registrata e poi montata ad arte per poter giustificare l’attivazione di un contratto telefonico.

In conclusione, per evitare di incappare nella truffa telefonica, basta rivolgersi alle autorità competenti.

NUOVO INCIDENTE SUL LAVORO

QUALI SONO LE RESPONSABILITÀ DELLE AZIENDE IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO E QUALI GLI OBBLIGHI DELL´IMPRENDITORE.

ALLA LUCE DELL´ ESCALATION DEGLI INCIDENTI SI PENSA AD UNA REGOLAMENTAZIONE PIÙ´ INCISIVA NEL RISPETTO DELLE NORME IN TEMA DI SICUREZZA.

Ancora un incidente sul posto di lavoro a distanza di pochi giorni da quello avvenuto a Firenze dove hanno perso la vita quattro operai schiacciati dal solaio venuto giù dopo che una trave si è spezzata, questa volta a perdere la vita è un 52enne nell’avellinese precisamente a Pratola Serra dove, mentre svolgeva la propria attività di manutenzione, e ´stato schiacciato da un macchinario. Sale così il numero delle vittime nei primi mesi del 2024. Ma molte le domande che ci si pone di fronte ad un incessante ed inarrestabile numero di incidenti sul posto di lavoro. Di fronte a tutti queste morti, il governo ritiene che bisogna adottare maggiori misure preventive. La sicurezza sul lavoro è un aspetto fondamentale in qualsiasi ambiente lavorativo, essa dipende anche dalla responsabilità dei datori di lavoro, i quali hanno il compito di garantire un ambiente sicuro per i propri dipendenti e di adottare tutte le misure preventive necessarie per evitare incidenti sul posto di lavoro.

CANALE YOUTUBE

Il Ruolo

datoriale nella tutela della salute e sicurezza dei propri dipendenti, e´ molto importante ed ogni datore, come già sottolineato, ha la responsabilità per prevenire ogni forma di rischio o pericolo all’interno dell’ambiente lavorativo. Tra gli obblighi del datore, uno dei più importanti, è l’attuazione di misure per eliminare i rischi e la valutazione dei rischi cui può essere esposto il personale. Pertanto è necessario un DOCUMENTO di valutazione dei rischi che non è altro che uno strumento fondamentale per la gestione della sicurezza sul luogo di lavoro. Esso deve contenere una relazione sulla valutazione di tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori e deve essere costantemente aggiornato. In quest’ottica si inserisce la figura del responsabile del servizio di prevenzione e protezione che sarà designata dal datore di lavoro che avrà come incarico assoluto quello di garantire la sicurezza sul lavoro. Nel contempo tutti i lavoratori hanno il dovere di prendersi cura della propria salute e sicurezza, e di quella degli altri presenti sul luogo di lavoro. Gli obblighi in materia di salute e sicurezza sul lavoro previsti dall´imprenditore riguardano la nomina di un medico competente, di individuare i lavoratori incaricati alla gestione dell´emergenza e in contemporanea fornirli di dispositivi di protezione individuale, attenersi alle norme vigenti delle disposizioni aziendali in materia di sicurezza e di igiene del lavoro, adottare le misure per il controllo delle situazioni di rischio in caso di emergenza e dare istruzioni affinché i lavoratori abbandonino il posto di lavoro o la zona pericolosa.

In conclusione i vari obblighi del datore di lavoro in materia di sicurezza nello svolgimento delle attività ruotano intorno ad un adempimento principale, ovvero di organizzare l’attività in modo da salvaguardare l’integrità psicofisica dei lavoratori eliminando o cercando di ridurre al massimo i rischi che possono procurare dei danni ai dipendenti. Ogni imprenditore deve attuare nella propria azienda, l’osservanza delle misure generali di tutela dei lavoratori previste dal Decreto Legislativo 81/08 che regola la tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori sui luoghi di lavoro ed è il risultato di una serie di norme in materia di sicurezza che si sono susseguite nel tempo.

Bando

PRONTI 177 POSTI DI VICE ISPETTORE TECNICO NELLA POLIZIA DI STATO IL BANDO SCADE IL 18 MARZO 2024. TUTTI I REQUISITI RICHIESTI NEL SITO DELLA POLIZIA DI STATO.

È stato pubblicato il bando di concorso pubblico per titoli ed esami per la copertura di 177 posti di vice ispettore tecnico del ruolo degli ispettori tecnici della polizia di stato nel settore di impiego sicurezza cibernetica. Le domande di partecipazione possono essere presentate fino alle ore 23.59 del 18 marzo 2024 per fare domanda è necessario utilizzare la procedura informatica di disponibile sul sito della Polizia di Stato.

CANALE YOUTUBE

Nello specifico

la polizia è alla ricerca di 117 vice ispettori tecnici per il settore della sicurezza cibernetica. I posti disponibili sono suddivisi in 29 riservati al personale nel ruolo dei sovrintendenti tecnici, 1 posto riservato a coloro che sono in possesso dell’attestato di bilinguismo, 44 posti al coniuge e ai figli dei superstiti deceduti in servizio, 4 posti che hanno terminato senza demerito la ferma biennale, 3 posti a coloro che hanno conseguito il diploma di maturita´presso il centro studi di fermo.

Tra i requisiti richiesti cittadinanza italiana, godimento dei diritti civili e politici, compimento del 18esimo anno di età´, di non aver compiuto il 28 esimo anno di età´, possesso della qualità di condotta, diploma di scuola secondaria di secondo grado o equipollente, idoneita´fisica , psichica e attitudinale Inoltre è necessario uno di questi titoli di studio: diploma di liceo scientifico (opzione Scienze applicate) e diploma scientifico; diploma di istituto tecnico, settore Tecnologico con indirizzo elettronica ed elettrotecnica o informatica e telecomunicazione.

L’ERA DEL DIGITALE ED IL MULTITASKING


POSSONO GENERARE EFFETTI POSITIVI MA ANCHE NEGATIVI SIA PER LE AZIENDE CHE PER LE PERSONE CHE NE FANNO USO.


È oggetto di dibattito quotidiano l’argomento riguardante l’intelligenza artificiale, del suo uso e dell’abbandono definitivo dello scrivere con penna ormai sostituita dalla tastiera. Gli esperti però chiedono di fare attenzione sull’uso smodato della tecnologia, perché la scrittura in corsivo resta importante per lo sviluppo cognitivo con stimoli per il nostro cervello. “La scomparsa della scrittura con penna tra i giovani” resta un cruccio per tanti psicoterapeuti e conduttori di indagini, che considerano la scrittura in corsivo un elemento indispensabile per l’alfabetizzazione di tanti giovani che hanno sostituito la penna con tablet, smartphone e tecnologie sempre più all’avanguardia. Ma oramai anche gli adulti non possono fare a meno dei computer tanto da diventare dei veri e propri esperti nel campo della tecnologia.

CANALE YOUTUBE

 Da un indagine condotta da esperti, si deduce che questi dispositivi come appunto tablet, telefono cellulari etc., possono certamente migliorare la capacità di prendere appunti ad esempio come per gli studenti, ma possono anche ostacolare alcuni processi cognitivi e rallentare un rendimento per effetto di un coordinamento di piu´attivita´che potrebbe comportare la perdita della capacità di concentrarsi su di un argomento con una maggiore frequenza a distrarsi con la conseguente perdita di tempo. Gli esperti lo chiamano MULTITASKING, un termine ormai in uso frequentemente e dalle ultime ricerche si evince che il multitasking peggiore del 30/40% l’efficienza lavorativa di una persona.

Anche le aziende sono sempre più consapevoli dei pericoli che si possono correre nel momento della produttività ed allora per incrementare l’attività produttiva dei lavoratori, i datori di lavoro applicano regole importanti e a tutela dei dipendenti come ad esempio rendere piacevole ed accogliente il posto di lavoro, consentire orari flessibili e fornire corsi di formazione. In conclusione la tecnologia se da un lato produce effetti positivi, in quanto se usata bene comporta un aumento della produttività nelle aziende e tutela alcuni aspetti della sicurezza nei luoghi di lavoro, da un altro punto di vista potrebbe comportare seri problemi a livello cognitivo se usata in modo inconsapevole.

INCIDENTI SUL LAVORO

CRESCE IL NUMERO DEI DECESSI NEI PRIMI MESI DEL 2024. IL DECESSO DEI QUATTRO OPERAI A FIRENZE PONE SERIE RIFLESSIONI. SERVE SOPRATTUTTO MAGGIORE FORMAZIONE

Cresce purtroppo ancora il numero delle notizie di cronaca che riguardano la morte di operai nei luoghi di lavoro. Dopo la notizia del decesso di un giovane operaio mentre effettuava la manutenzione sui binari, si verifica un altro incidente sempre nello stesso ambito e, a stretto giro, qualche giorno fa a Napoli cade dal ponteggio di un cantiere navale un altro operaio che dopo 4 giorni di agonia è deceduto. Ma mentre si piangono giovani vite spezzate e si inviano i dati territoriali sugli infortuni sul lavoro all´Inail per aggiornare le tabelle degli infortuni gravi, meno gravi o con decesso per poi stilare un elenco degli incidenti più frequenti o con maggiore esposizione a secondo del lavoro che si svolge, arrivano altre notizie che lasciano l´amaro in bocca come quella che riguarda il decesso di quattro operai a Firenze per il crollo di una trave di cemento del solaio dove si trovavano alcuni lavoratori che stavano effettuando le loro mansioni in un cantiere di periferia per la costruzione di un supermercato. Purtroppo l’elenco si allunga e resta sempre più elevato il numero dei decessi con un bollettino da guerra in continuo aggiornamento. Se ad ottobre di quest’anno il numero degli infortuni sul lavoro denunciati ha segnato un -21,4% cresce invece nella gestione Industria e servizi un +0,4% in Agricoltura e un +0,8% manifatturiero. Gli esperti mettono in evidenza che i dati variano a seconda del tipo di lavoro e soprattutto dall’analisi territoriale inoltre si evidenzia che il numero degli incidenti è più consistente al Sud mentre tra le regioni con i maggiori decrementi percentuali si segnalano la Campania, la Liguria, il Molise e il Lazio

CANALE YOUTUBE

Ma qual è la causa della maggior parte degli infortuni sul lavoro?

Statisticamente parlando, esiste tutta una serie di cause che possono portare a infortuni e lesioni sul lavoro. Secondo le associazioni di categoria, gli scivolamenti, gli inciampi e le cadute rappresentano il 34.7% come prima causa di infortunio occupazionale. Mentre alla domanda quali sono i lavoratori più esposti agli infortuni si risponde che l’incidenza maggiore si registra nell’agricoltura, seguita dalle costruzioni, dai trasporti e comunicazioni e dall’industria manifatturiera. Le costruzioni sono il comparto che fa registrare il più elevato numero di infortuni fatali tra i giovani lavoratori. Ma anche nell’ambito del settore agricolo, troviamo la professione del bracciante al primo posto come pericolo infatti la percentuale degli incidenti mortali in questo settore è di circa il 37% del totale e 6 casi su 10 sono legati al ribaltamento di macchinari agricoli.

Per la Confederazione Nazionale Artigiani e Piccoli Imprenditori, Co.N.A.P.I Nazionale rappresentata dal Presidente Basilio Minichiello, non bisogna abbassare la testa è necessario fare continua Formazione in quanto un incidente, soprattutto se mortale, compromette un intero comparto lavorativo e quindi lo stesso datore di lavoro che sicuramente non risponde sempre in prima persona degli incidenti che si verificano in quanto vengono forniti tutti gli strumenti per un buon svolgimento di tutte le attività´produttive.

FIRMATO DA Co.N.A.P.I. NAZIONALE E CONFINTESA IL CCNL PER LE AZIENDE DEL SETTORE METALMECCANICO

TANTE LE NOVITA´ NEL TESTO E PER LE TABELLE. IL PRESIDENTE MINICHIELLO PARLA DI RISULTATO ECCELLENTE


Roma
E ´stato sottoscritto il Contratto Collettivo Nazionale per i dipendenti delle aziende del settore metalmeccanico, industria ed installazione impianti. La firma, è stata apposta dal Co.N.A.P.I. Nazionale rappresentata dal presidente Basilio Minichiello e da Confintesa rappresentata dal Segretario generale Francesco Prudenzano alla presenza dell’avvocato Mirella Giovino. Molte le novità del contratto che disciplina molti settori, che premia l´attivita´ minuziosa e dettagliata dei tecnici che hanno prodotto un testo dettagliato che punta a disciplinare per estenderlo anche a chi svolge attività formative nel settore metalmeccanico e per conto terzi. La validità del contratto decorre dal 15 febbraio 2024 fino al 31 dicembre 2026. I settori interessati riguardano quello siderurgico, navale, meccanico, elettronico ed ancora il settore auto–avio motoristico (produzione macchine, aerei etc.), il settore metallurgia non ferrosa, settore meccanica in generale e settore oreficeria. Inoltre il documento prevede l’esecuzione presso terzi delle attività sopraindicate e l’esercizio di formazione professionale da parte di Enti e soggetti che eroghino le mansioni anche in favore delle imprese a cui si applica il contratto collettivo.

CANALE YOUTUBE

La novità

principale su cui si fonda tutto il patto, riguarda la copiosita´dello stesso il cui testo approfondisce ogni tabella con l’elaborazione di importanti linee guida per le aziende e i dipendenti. Soddisfatto il Presidente di Co.N.A.P.I. Nazionale il dottor Basilio Minichiello il quale afferma “Abbiamo raggiunto un nuovo ed importante traguardo per le aziende e per i lavoratori, dando vita ad un Contratto che disciplina i vari settori in maniera efficace. Sono oltremodo soddisfatto–continua il Presidente Minichiello–per la sinergia e la rete che si va sempre più intensificando con Confintesa, segno evidente di un lavoro che vede l’impegno di ciascuno per voler migliorare i settori produttivi. Infine voglio congratularmi–conclude Minichiello–con tutti miei collaboratori professionisti e tecnici dell’area legale/commerciale, per il puntuale e profondo lavoro svolto senza trascurare niente tenendo conto di ogni dettaglio”.

Il contratto, punta all’attenzione degli accordi aziendali e sulla più articolazione delle categorie relative alla classificazione del personale, alla formazione professionale e ad un’equa revisione delle tabelle retributive. L’avvocato Mirella Giovino, è stata protagonista nell´articolata costruzione del contratto e si dice soddisfatta del grande lavoro posto in essere unitamente a tanti altri professionisti “Si è trattato di un lavoro copioso–dice l´avvocato Giovino–in sinergia con Confintesa e tecnici del settore, al fine di formulare un testo contrattuale più efficace e rispettoso delle esigenze delle aziende e dei lavoratori”.

UNIONCAMERE ED ANPAL HANNO DIRAMATO IL BOLLETTINO DELLE ASSUNZIONI PROGRAMMATE


IN SALITA GIA´ NEL PRIMO TRIMESTRE DI GENNAIO. A GUIDARE IL MAGGIOR NUMERO DI ASSUNZIONI LA LOMBARDIA.

Oltre ai dati Istat che dimostrano come l´occupazione è salita, anche i dati dell´ultimo bollettino mensile realizzato da Unioncamere ed Anpal , mostrano che le assunzioni previste per il primo trimestre dell´anno sono anch´esse in salita. A gennaio, infatti il settore industriale ha in programma 172mila assunzioni, 121mila delle quali nel settore manifatturiero, le altre 51mila nelle costruzioni. I servizi prevedono di assumere in totale 336mila lavoratori +10,0% rispetto a gennaio 2023. Seguono commercio 68mila unità e costruzioni 51mila unità. In calo, invece, il turismo e l’industria manifatturiera, rispettivamente rispetto all’anno precedente.

CANALE YOUTUBE

In generale

sono le piccole e le medie imprese tra i 10 e i 249 dipendenti a prevedere andamenti di crescita delle assunzioni. Positiva anche la previsione delle grandi imprese con oltre 250 dipendenti, assunzioni, mentre le microimprese prevedono una flessione. Tra le professioni, sono difficili da reperire sul mercato gli specialisti come, ad esempio, farmacisti, biologi e altri profili appartenenti a questo gruppo professionale, seguiti dagli operai addetti a macchinari dell’industria tessile e delle confezioni, dai fonditori, saldatori, montatori di carpenteria metallica, dagli operai specializzati addetti alle rifiniture delle costruzioni e dai tecnici della gestione dei processi produttivi di beni e servizi. I contratti a tempo determinato, si confermano la forma più diffusa, pur registrando un breve calo rispetto all’anno precedente. In crescita invece i contratti a tempo indeterminato, con un aumento annuale di 7mila unità. Inoltre, il bollettino mette in evidenza che il 19% delle ricerche di personale è rivolto a laureati, il 30% a diplomati e il 32% a chi è in possesso di una qualifica o diploma professionale. Circa 7mila le richieste per i diplomati ITS. Per oltre 91mila delle assunzioni, le imprese prevedono di rivolgersi maggiormente a lavoratrici o lavoratori immigrati, soprattutto nei settori dei servizi operativi, della logistica, dei servizi di alloggio, della ristorazione, del turismo, delle costruzioni e delle industrie alimentari, bevande e tabacco.

Le assunzioni pianificate hanno un maggior numero di assunzioni al Nord soprattutto in Lombardia, segue il Lazio, il Veneto, l´Emilia e Romagna, il Piemonte e la Campania.
Il sistema informativo Excelsior è realizzato grazie al cofinanziamento dell’Unione europea, Programma operativo nazionale Sistemi di politiche attive per l’occupazione, a titolarità di Anpal.

FIRMATA LA CONVEZIONE


TRA L´ ISTITUTO NAZIONALE ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO E CONFERENZA DELLE REGIONI E PROVINCE AUTONOME PER LA SICUREZZA SUI POSTI DI LAVORO.

È stata sottoscritta una importante convenzione in tema di sicurezza sui posti di lavoro, tra l’Inail ed il presidente della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, che punta ad accrescere sempre più, attraverso una raccolta dati di informazioni, a rafforzare il sistema informativo Nazionale per la prevenzione e sicurezza sui posti di lavoro. La convenzione avrà una durata di 5 anni con lo scopo di limitare gli infortuni e le malattie professionali attraverso una condivisione dei dati con gli enti territoriali, per rafforzare ed aggiornare il registro degli infortuni. La convenzione sottoscritta, è un importante passo in avanti per cercare di limitare quanto più possibile gli infortuni e le malattie professionali grazie ad una raccolta dati che andranno a potenziare il SISTEMA INFORMATIVO NAZIONALE.

CANALE YOUTUBE

In effetti la volontà di sottoscrivere la convenzione, è motivata dai crescenti dati registrati in tema di incidenti e morti sul lavoro, che mettono in risalto la necessità di applicare norme e procedure per rendere sicuri i posti di lavoro facendo rete tra le Regioni, Province autonome ed aziende collegate con il Sistema Informativo Nazionale per attuare politiche di intervento dopo aver appunto, raccolto i dati. Determinanti saranno sia il Registro delle esposizioni che quello degli infortuni, il primo contiene una raccolta di informazioni che riguardano le malattie che si verificano in ambito lavorativo per esposizioni ad agenti altamente inquinanti, il secondo invece raccoglie tutte le denunce di infortuni che arrivano all’Inail, da tutti i datori e i loro intermediari. L’accesso alle informazioni che l’Inail mette a disposizione avviene costantemente attraverso le piattaforme online. Si tratta di un importante passo in avanti che Co.N.A.P.I. Nazionale accoglie favorevolmente essendo un Ente datoriale la cui sicurezza sul posto di lavoro è alla base di tutta l’attività professionale, attraverso l´attuazione di corsi di formazione ed aggiornamenti costanti. in quanto il ruolo datoriale nella tutela della salute e sicurezza dei propri dipendenti, è fondamentale ed ogni datore, come già più volte sottolineato, ha la responsabilità di prevenire ogni forma di rischio o pericolo all’interno dell’ambiente lavorativo.

Pertanto il DOCUMENTO di valutazione dei rischi, che non è altro che uno strumento fondamentale per la gestione della sicurezza sul luogo di lavoro è molto importante. Esso deve contenere una relazione sulla valutazione di tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori e deve essere costantemente aggiornato. In questa ottica si inserisce la figura del responsabile del servizio di prevenzione e protezione che sarà designata dal datore di lavoro e avrà come incarico assoluto quello di garantire la sicurezza sul lavoro, ecco perché´ tale convenzione firmata dall’Inail e dal presidente della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome è stata considerata importante e vantaggiosa da Co.N.A.P.I. Nazionale.

DATI ISTAT “BOOM DI OCCUPAZIONE PER IL TRIMESTRE”


IN ITALIA 500mila LAVORATORI IN PIÙ´. SCENDE IL TASSO DI DISOCCUPAZIONE PER IL PRESIDENTE DI CO.N.A.P.I. NAZIONALE MINICHIELLO “BISOGNA FARE DI PIÙ´ PER LE DONNE”

Sono stati pubblicati all’inizio di febbraio 2024, i dati Istat che riguardano il tasso di occupazione per il trimestre 2023. L’indagine mette in evidenza un record di occupati salito già nel mese di dicembre, con una diminuzione del tasso di disoccupazione che raggiunse il suo massimo storico nel 2008. A dicembre la crescita dell’occupazione coinvolge soprattutto i dipendenti a termine con 2 milioni 986 mila e gli autonomi precisamente con 5 milioni e 45 mila. L’Istat, inoltre, precisa che il numero degli occupati, è superiore a quello di dicembre 2022 di 456 mila unità, con una diminuzione sempre crescente della disoccupazione. Sempre a dicembre 2023 rispetto al mese precedente, cresce il numero degli occupati e degli inattivi intendendo per quest´ultimi chi non ha cercato lavoro e comprendono le persone di 15 anni o coloro i quali non fanno parte delle forze di lavoro, ovvero quelle non classificate come occupate o in cerca di occupazione come studenti, casalinghe o pensionati. L’occupazione cresce tra gli uomini, i dipendenti a termine, gli autonomi e gli under 34, mentre è questo, sicuramente un dato negativo, cala tra donne dipendenti permanenti e tra chi ha almeno 35 anni.

CANALE YOUTUBE

Il tasso di occupazione

sale dunque al 61,9% per cui scende del 7,7% la disoccupazione. Dalla lettura dei dati si evince che la situazione in Italia rispetto al 2022, dove i dati al contrario mostravano che l´Italia per tasso di disoccupazione risultava essere il terzo Paese UE ed il secondo paese dell´Unione Europea per tasso di giovani che non studiano, non lavorano e non sono in cerca di lavoro, che ad oggi la situazione riguardante l´occupazione è in crescita soprattutto dopo un lungo periodo di crisi determinatosi in seguito al COVID19, che aveva visto il tasso di occupazione scendere al 56,5 per cento. In sintesi, rispetto al 2019 alla fine del secondo trimestre del 2023 in Italia ci sono stati circa 500mila lavoratori in più´.

Soddisfazione ha espresso il presidente di Co.N.A.P.I. Nazionale, Basilio Minichiello, per il quale la lettura dei dati indica la voglia di raggiungere livelli occupazionali record e di abbattere definitivamente la crisi che ha coinvolto ogni settore lavorativo, pertanto esprime una grande soddisfazione, per la lettura positiva dei dati riguardanti la salita occupazionale. L’unico dato che mostra luci ed ombre, per il presidente Minichiello, riguarda ancora il basso tasso di occupazione femminile rispetto a quello maschile e la Co.N.A.P.I. Nazionale sensibile al tema che porta sempre all’attenzione degli imprenditori ogni qualvolta si presentano occasioni di dibattiti, essi però stanno lavorando alla clemente per abbattere un altro muro.

BUONE PRATICHE PER LA SALUTE E SICUREZZA SUI CANTIERI


PROROGATO IL TERMINE PER IL CONCORSO ISTITUITO DALL´ INAIL AL 5 APRILE 2024.

È stato prorogato al 5 aprile 2024 il termine per partecipare alla seconda edizione del bando ARCHIVIO DELLE BUONE PRATICHE PER LA SALUTE E SICUREZZA SUI CANTIERI che sarebbe scaduto il 5 febbraio scorso. Si tratta di un bando che si pone l’obiettivo di dar vita ad un archivio di buone pratiche per una consultazione veloce ed accessibile.

CANALE YOUTUBE

Si ricorda

che al concorso possono partecipare tutte le imprese che operano nel settore delle costruzioni, i coordinatori per la progettazione ed esecuzione dei lavori, gli ingegneri iscritti regolarmente all’albo, gli enti pubblici e gli organismi paritetici del settore delle costruzioni. La proroga si e ‘resa necessaria per dare la possibilità alle aziende ed ai professionisti di elaborare ed inserire online le buone pratiche per la sicurezza nei cantieri edili. Inoltre si ricorda che si ha tempo fino alle 18.00 del 5 aprile 2024 e che i moduli o le schede da compilare si trovano sul sito dell’Inail. La procedura si suddivide in tre fasi da compilare in un’unica sessione, saranno poi verificati i dati e solo successivamente si possono spedire sia la scheda tecnica con la descrizione del progetto che l’autovalutazione.

Saranno premiate tre buone pratiche per ciascuna delle quali sarà attribuito un premio. Al primo 5mila euro, al secondo classificato 2mila euro ed al terzo mille euro oltre ad una pubblicazione su riviste del settore.