Bando

PRONTI 177 POSTI DI VICE ISPETTORE TECNICO NELLA POLIZIA DI STATO IL BANDO SCADE IL 18 MARZO 2024. TUTTI I REQUISITI RICHIESTI NEL SITO DELLA POLIZIA DI STATO.

È stato pubblicato il bando di concorso pubblico per titoli ed esami per la copertura di 177 posti di vice ispettore tecnico del ruolo degli ispettori tecnici della polizia di stato nel settore di impiego sicurezza cibernetica. Le domande di partecipazione possono essere presentate fino alle ore 23.59 del 18 marzo 2024 per fare domanda è necessario utilizzare la procedura informatica di disponibile sul sito della Polizia di Stato.

CANALE YOUTUBE

Nello specifico

la polizia è alla ricerca di 117 vice ispettori tecnici per il settore della sicurezza cibernetica. I posti disponibili sono suddivisi in 29 riservati al personale nel ruolo dei sovrintendenti tecnici, 1 posto riservato a coloro che sono in possesso dell’attestato di bilinguismo, 44 posti al coniuge e ai figli dei superstiti deceduti in servizio, 4 posti che hanno terminato senza demerito la ferma biennale, 3 posti a coloro che hanno conseguito il diploma di maturita´presso il centro studi di fermo.

Tra i requisiti richiesti cittadinanza italiana, godimento dei diritti civili e politici, compimento del 18esimo anno di età´, di non aver compiuto il 28 esimo anno di età´, possesso della qualità di condotta, diploma di scuola secondaria di secondo grado o equipollente, idoneita´fisica , psichica e attitudinale Inoltre è necessario uno di questi titoli di studio: diploma di liceo scientifico (opzione Scienze applicate) e diploma scientifico; diploma di istituto tecnico, settore Tecnologico con indirizzo elettronica ed elettrotecnica o informatica e telecomunicazione.

BUONE PRATICHE PER LA SALUTE E SICUREZZA SUI CANTIERI


PROROGATO IL TERMINE PER IL CONCORSO ISTITUITO DALL´ INAIL AL 5 APRILE 2024.

È stato prorogato al 5 aprile 2024 il termine per partecipare alla seconda edizione del bando ARCHIVIO DELLE BUONE PRATICHE PER LA SALUTE E SICUREZZA SUI CANTIERI che sarebbe scaduto il 5 febbraio scorso. Si tratta di un bando che si pone l’obiettivo di dar vita ad un archivio di buone pratiche per una consultazione veloce ed accessibile.

CANALE YOUTUBE

Si ricorda

che al concorso possono partecipare tutte le imprese che operano nel settore delle costruzioni, i coordinatori per la progettazione ed esecuzione dei lavori, gli ingegneri iscritti regolarmente all’albo, gli enti pubblici e gli organismi paritetici del settore delle costruzioni. La proroga si e ‘resa necessaria per dare la possibilità alle aziende ed ai professionisti di elaborare ed inserire online le buone pratiche per la sicurezza nei cantieri edili. Inoltre si ricorda che si ha tempo fino alle 18.00 del 5 aprile 2024 e che i moduli o le schede da compilare si trovano sul sito dell’Inail. La procedura si suddivide in tre fasi da compilare in un’unica sessione, saranno poi verificati i dati e solo successivamente si possono spedire sia la scheda tecnica con la descrizione del progetto che l’autovalutazione.

Saranno premiate tre buone pratiche per ciascuna delle quali sarà attribuito un premio. Al primo 5mila euro, al secondo classificato 2mila euro ed al terzo mille euro oltre ad una pubblicazione su riviste del settore.

BANDO INAIL

SCADENZA PER REINSERIMENTO ATTIVITA´ LAVORATORI CON DISABILITA´. AVVISO PUBBLICO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI FORMAZIONE ED INFORMAZIONE.

Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale l’avviso pubblico per finanziare progetti in materia di reinserimento lavorativo delle persone con disabilità da lavoro. L’Inail ha messo a disposizione 2.500.000 euro in finanziamenti per la realizzazione dei progetti di formazione e informazione in materia di reinserimento e di integrazione lavorativa delle persone con disabilità da lavoro.
Nella sezione dedicata al bando, per l´anno 2023 appena trascorso, sono disponibili l’avviso pubblico e gli allegati.

CANALE YOUTUBE

BANDO

Ciascun soggetto proponente può presentare un’unica domanda di finanziamento.
La domanda deve essere compilata e inoltrata esclusivamente in via telematica mediante l’accesso all’apposito servizio online disponibile sul portale inoltre le date e gli orari dell´apertura e chiusura della procedura informatica per l´inoltro delle domande saranno pubblicati il 29 febbraio 2024.
Prerequisito necessario per accedere alla procedura di compilazione della domanda è che il legale rappresentante del soggetto proponente o suo delegato sia in possesso delle credenziali Spid, Cie o Cns.
I progetti sono finalizzati a : diffondere tra i datori di lavoro, i lavoratori e i soggetti in cerca di nuova occupazione, una cultura condivisa circa le tutele che l’ordinamento prevede per garantire la parità dei diritti dei lavoratori con disabilità e diffondere la conoscenza delle misure di sostegno garantite dall’Inail per la realizzazione degli interventi necessari al reinserimento lavorativo in favore delle persone con disabilità da lavoro.
Le domande saranno esaminate secondo un ordine cronologico di presentazione ed ammesse al finanziamento fino ad esaurimento delle risorse disponibili. Il finanziamento di ciascun progetto non potrà essere superiore a 120.000,00 euro. I destinatari delle iniziative sono i lavoratori, datori di lavoro e soggetti in cerca di una nuova occupazione i progetti possono essere presentati da : associazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale, patronati, enti bilaterali ed associazioni che si occupano di disabili.

Le domande devono essere compilate e inoltrate esclusivamente in via telematica mediante l’accesso all’apposito servizio online disponibile sul portale entro e non oltre il termine di chiusura della procedura informatica.

NASCE IL CENTRO STUDI E RICERCHE ALL´ INTERNO DI Co.N.A.P.I. NAZIONALE

FINALITÀ´ E OBIETTIVI STRETTAMENTE LEGATI ALLE RICERCHE SCIENTIFICHE DELLE REALTÀ´ ECONOMICHE E SOCIALI NELL’AMBITO DELLA PRODUZIONE. SARA´ IL DOTTOR ANTONIO ZIZZA A GUIDARE IL CENTRO.

È nata una nuova realtà all’interno di Co.N.A.P.I. Nazionale che si occuperà di ricerche scientifiche sugli aspetti economici e sociali di tutte le realtà produttive a livello nazionale.
Sarà il dottor. Antonio Zizza a capo del CENTRO STUDI E RICERCHE a guidare il centro, che si occuperà dell’andamento di alcuni fenomeni strettamente legati all’economia del Paese con una forte incidenza sui rapporti sociali, politici ed istituzionali.

CANALE YOUTUBE

“LE FINALITA’

del Centro Studi e Ricerche – spiega Zizza – riguarda l’esecuzione di studi, analisi, monitoraggi e interpretazioni relative al sistema economico-sociale nell’ambito della produzione nazionale. Particolare attenzione è riservata ai settori dell’artigianato e delle piccole imprese, compresi i rami del terziario, dell’agricoltura, dell’industria, dell’edilizia, della sanità privata, della logistica e dei trasporti, nonché, in generale, a tutti quei settori rientranti nell’ambito d’interesse nazionale della Confederazione”.
“Inoltre – continua il Direttore – le attività del Centro Studi presentano una notevole varietà, spaziando dalla redazione di studi periodici su questioni di particolare rilevanza fino all’ambizioso obiettivo, che mi propongo di realizzare già dal primo anno, di redigere un Rapporto annuale.
Con lo scopo di attuare tali iniziative, finalizzate soprattutto a fornire supporto alla Confederazione, alle istituzioni pubbliche e private, si prevede altresì la proposizione di convenzioni con Scuole Professionali, Università, Fondazioni, Unioni sindacali e altri Enti, sia pubblici che privati”.
Il Centro Studi e Ricerche, è composto dal Presidente di Co.N.A.P.I. Nazionale, il dottor Basilio Minichiello, dal Direttore nella persona di Antonio Zizza e da un certo numero di persone (che varia da 4 a 8) di alto profilo umano, accademico e/o professionale che periodicamente sono chiamati a collaborare nelle attività del Centro.
“Tra i membri di quello che e ‘stato definito il “Comitato tecnico-scientifico”, tengo a precisare – aggiunge il dottor Zizza – vi sarà una buona rappresentanza femminile; poi abbiamo un imprenditore e/o artigiano e, infine, un qualsiasi lavoratore subordinato, la cui azienda è rappresentata da Co.N.A.P.I. Nazionale. L’obiettivo è quello di fornire un servizio più vicino alle esigenze concrete della gente in quanto assume particolare rilevanza l’ascolto ed il contributo di ciascuna persona della comunità lavorativa”.
Per ciascuna indagine condotta, si offre la possibilità di collaborare, anche mediante apposite convenzioni stipulate nel corso del tempo, con esperti provenienti sia dal mondo accademico che da quello professionale, tra cui docenti universitari e ricercatori.

Il direttore del Centro Studi e Ricerche ha inteso ringraziare il Presidente di Co.N.A.P.I. Nazionale, Dott. Basilio Minichiello, per il suo determinante sostegno nel promuovere e, attualmente, nell’affidare a Zizza la dirigenza del Centro Studi e Ricerche con la determinazione di intercettare, attraverso indagini che saranno condotte ‘sul campo’, le esigenze della comunità lavorativa per metterle a disposizione della Confederazione, delle Istituzioni e della società intera.
Infine in questo percorso, una particolare attenzione sarà dedicata ai settori dell’artigianato e della piccola imprenditoria, da sempre considerati – dal Direttore – “vitali” nello sviluppo di una società. La loro capillarità – prosegue Zizza – consente di raggiungere in modo efficace quelle aree, talvolta impoverite, che altrimenti potrebbero finire per essere trascurate. In tal senso, tutto quello che è il settore dell’artigianato locale e della micro imprenditoria rappresenta di sicuro una via percorribile per generare occupazione, abitabilità del territorio, aumento della natalità, progresso, attenzione e prossimità ad uno sviluppo umano, libero e dignitoso”.
Infine, lasciando una testimonianza personale, Zizza concludere col dire che “Giorgio La Pira, un “maestro” visionario che ha ispirato gli anni della mia formazione, considerava l’impresa una “cellula essenziale” del corpo, della vita e della missione di una città. Partendo da questo presupposto e, sostenuti da tutti coloro che collaboreranno con noi, il Centro Studi e Ricerche si propone proprio l’obiettivo di favorire una sana cultura del lavoro, dell’artigianato e dell’imprenditoria, esaltandone la loro dimensione sociale, creativa e personale.”

PROROGA SCADENZA CONCORSO

SCADENZA DELLA SECONDA EDIZIONE DEL CONCORSO NAZIONALE “ARCHIVIO DELLE BUONE PRATICHE PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO”.

E ´stata prorogata fino al 5 febbraio 2024, la presentazione delle domande per partecipare alla seconda edizione del concorso Nazionale “Archivio delle buone pratiche per la salute e sicurezza sul lavoro “nei cantieri temporanei o mobili”, inoltrandole in via telematica previa autenticazione con Spid, Cie, Cos.

CANALE YOUTUBE

LO SCOPO

del concorso è quello di voler ampliare l’archivio delle buone pratiche e soluzioni per la sicurezza nei cantieri edili con la possibilità di una consultazione veloce e diretta. Inoltre attraverso la consultazione si possono ottenere delle informazioni per cercare soluzioni innovative che vadano a tutelare e garantire la salute e la sicurezza dei lavoratori e titolari di imprese di costruzioni. Questi ultimi, unitamente ai coordinatori per la progettazione ed esecuzione lavori ed i professionisti iscritti agli albi professionali nella sezione delle costruzioni, gli Enti pubblici e Organismi Paritetici, potranno presentare la domanda per candidarsi a partecipare al concorso.

La scelta ed il premio, avverrà´attraverso la valutazione di una commissione tecnico scientifico, che individuerà le prime tre pratiche risultanti essere le migliori nell’ambito di una rosa di finalisti ciascuno dei quali valutato attentamente. Al primo premio andranno 5.000 euro, al secondo 2.000 euro e 1.000 euro al terzo. 

CAMPAGNA DI PREVENZIONE SUGLI INFORTUNI DOMESTICI

PROMOSSA DALL´ INAIL “LA TUA SICUREZZA E´ QUESTIONE DI UN ATTIMO”.

È partita il 27 dicembre la campagna pubblicitaria a livello nazionale, sugli infortuni domestici su iniziativa dell’Inail, che scadrà 31 gennaio. La comunicazione attraverso TV, radio e web con l’hashtag basta un attimo, ha lo scopo di sensibilizzare sui rischi maggiormente frequenti in casa che spesso provocano danni irreparabili ed è per questo che l’istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli infortuni sul lavoro, ha inteso sollecitare il rinnovo dell’assicurazione obbligatoria attraverso uno spot pubblicitario. Da un’indagine effettuata dall’Istituto superiore della Sanità “Sorveglianza Passi” nel periodo che va dal 2021 al 2022, solo 6 persone su 100 sono consapevoli dei rischi incidenti che si possono verificare in casa. Lo scopo dunque della campagna pubblicitaria promossa dall’INAIL, e ‘quella di sensibilizzare sulla necessità di adottare misure di prevenzione nelle proprie abitazioni al fine di evitare incidenti domestici anche gravi o addirittura che comportano anche un decesso. Si considerano anche gli incidenti domestici se l’infortunio avviene in un’abitazione di vacanza ´ purché´ci si trovi su territorio nazionale.

CANALE YOUTUBE

L’ASSICURAZIONE

tutela anche gli infortuni avvenuti per attività connesse alla cura di animali domestici e a interventi di piccola manutenzione (idraulica, elettricità, ecc.), che non richiedono una particolare preparazione tecnica e che rientrano nella ormai diffusa abitudine del “fai da te”. Nello svolgere lavori domestici, ritenuti azioni quotidiane normali, si possono determinare delle disattenzioni che provocano eventi dannosi, pertanto e ‘giusto informare tutti coloro che svolgono attività nelle mura domestiche e di come potrebbero essere evitati alcune azioni che si rivelano pericolose che in molti casi creano situazioni invalidanti.  La pubblicità che e ‘stata posta in essere dall´INAIL si rivolge non solo alle casalinghe ma anche a tutti coloro che si occupano delle faccende domestiche, della cura della casa e della propria famiglia ed ha come obiettivo quella di comunicare la necessità di informarsi anche sulla forma assicurativa o sul rinnovo di essa che avviene ogni fine anno ammontante a 24 euro. L’assicurazione domestica può essere sottoscritta da tutte le persone con un’età compresa tra i 18 e i 67 anni. Per le famiglie a basso reddito, il premio assicurativo è a carico dello Stato, basta presentare l’attestazione ISEE in possesso dell’assicurato, inoltre chi possiede i requisiti di legge ma non si assicura e ‘soggetto ad una sanzione da parte dell’Inail. Tutte le informazioni si possono ricevere chiamando direttamente il Contact center Inail, le Associazioni delle casalinghe e le sedi Inail che forniscono tutte le informazioni necessarie per procedere con l’assicurazione.

Infine se l’Inail respinge la richiesta di prestazioni economiche, l’assicurato o i suoi superstiti possono presentare ricorso al Comitato amministratore del Fondo autonomo speciale per l’assicurazione contro gli infortuni domestici. Il termine per la presentazione del ricorso è di 90 giorni, ma tale termine non è perentorio. Il ricorso può essere spedito con raccomandata con avviso di ricevimento o presentato a mano (verrà rilasciata comunque una ricevuta) alla sede Inail che ha emesso il provvedimento. Sarà la stessa sede Inail a inoltrare il ricorso al Comitato amministratore del Fondo.

BANDO INAIL

L´ INAIL PUBBLICA IL BANDO ISI 2023. A DISPOSIZIONE CI SONO 500MILIONI DI EURO IN FINANZIAMENTI A FONDO PERDUTO PER PROGETTI DI MIGLIORAMENTO DELLE CONDIZIONI DI SALUTE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO. LE DOMANDE POSSONO ESSERE PRESENTATE ENTRO IL 21 FEBBRAIO 2024.

E´stato pubblicato dall’Inail nella Gazzetta Ufficiale n.296 del 20 dicembre l´avviso pubblico per il bando Isi 2023  che   mette a disposizione 500 milioni euro in finanziamenti a fondo perduto per la realizzazione di progetti di miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Destinatarie degli incentivi sono le imprese, anche individuali, iscritte alla Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura e gli enti del terzo settore. Il Bando Isi 2023 presenta diverse novità che riguardano i seguenti ambiti: risorse economiche, requisiti soggettivi, articolazione degli assi di finanziamento,interventi prevenzionali ammessi, innovazioni procedurali per favorire la digitalizzazione e la semplificazione degli adempimenti. Le risorse finanziarie destinate ai progetti sono ripartite per regione/provincia autonoma e per assi di finanziamento. L’importo massimo erogabile è di 130.000 euro. Le date di apertura e chiusura della procedura informatica per la presentazione della domanda, sono pubblicate nella sezione dedicata al bando Isi 2023, entro il 21 febbraio 2024.

CANALE YOUTUBE

BANDO

Tra le finalita´del Bando c´e ´quello di incentivare le imprese a realizzare progetti per il miglioramento  delle condizioni di salute e di sicurezza dei lavoratori rispetto alle condizioni preesistenti, nonché incoraggiare le micro e piccole imprese, operanti nel settore della produzione primaria dei prodotti agricoli, all’acquisto di nuovi macchinari e attrezzature di lavoro caratterizzati da soluzioni innovative per abbattere in misura significativa le emissioni inquinanti, migliorare il rendimento e la sostenibilità globali e, in concomitanza, conseguire la riduzione del livello dei rumori  o del rischio infortunistico o di quello   derivante dallo svolgimento di operazioni manuali. Il Bando e´rivolto alle imprese, anche individuali, ubicate in ciascun territorio regionale/provinciale e iscritte alla Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura (CCIAA), secondo le distinzioni specificate in relazione ai diversi Assi di finanziamento. In particolare, quale intervento sistemico per la sicurezza sul lavoro, l’Asse 1.2 permette di sostenere gli investimenti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale anche alle imprese impegnate nei percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento (ex alternanza scuola lavoro),  agli enti del terzo settore.
Dunque  5 gli Assi di finanziamento che riguardano determinati progetti come  : Progetti per la riduzione dei rischi tecnopatici, Progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale ,Progetti per la riduzione dei rischi infortunistici, Progetti di bonifica da materiali contenenti amianto, Progetti per micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attività, Progetti per micro e piccole imprese operanti nel settore della produzione primaria dei prodotti agricoli. Il finanziamento è calcolato sulle spese sostenute al netto dell’iva.
L’ammontare del finanziamento è compreso tra un importo minimo di 5.000,00 euro e un importo massimo erogabile pari a 130.000,00 euro.

Le modalita´e la presentazione della richiesta per partecipare al Bando si trovano sul portale Inail – nella sezione Accedi ai Servizi Online -dove  le imprese avranno a disposizione una procedura informatica che consentirà loro, attraverso un percorso guidato, di inserire la domanda di finanziamento con le modalità indicate negli Avvisi regionali. Per informazioni e assistenza sul presente Avviso è possibile fare riferimento al numero telefonico 06.6001 del Contact center Inail. È, anche, possibile rivolgersi al servizio Inail Risponde, nella sezione Supporto del portale.
Chiarimenti e informazioni di carattere generale sul presente Avviso possono essere richiesti entro e non oltre il termine di dieci giorni antecedenti la chiusura della procedura informatica di compilazione della domanda online.

TECNOLOGIA DIGITALE AL SERVIZIO DELLE AZIENDE

LA TECNOLOGIA DIGITALE AL SERVIZIO DELLE AZIENDE PER ASSICURARE AMBIENTI DI LAVORO SEMPRE PIU´ EFFICIENTI E SICURI. IL MONITORAGGIO TECNOLOGICO DELLE AREE DI LAVORO SERVE A DARE GARANZIE AI DATORI E AI LAVORATORI PER ARGINARE OGNI TIPO DI RISCHIO

La sicurezza e ‘un elemento fondamentale per il benessere delle aziende e dei lavoratori, buona parte di essa dipende anche dall’utilizzo delle tecnologie digitali che sicuramente fanno la loro parte diventando mezzi necessari per monitorare i dati raccolti e, sulla base degli stessi, organizzare un utile sistema di prevenzione adeguato alle esigenze del luogo in cui si lavora. Il sistema di monitoraggio digitale permette di raccogliere in tempi record, i dati che andranno successivamente analizzati per capire se esiste un rischio immediato per poi adottare provvedimenti che eludono il pericolo incidenti. 

CANALE YOUTUBE

SISTEMI DIGITALI

Ma la tecnologia e ‘importante in quanto serve alle aziende che possono intervenire con immediatezza per ridurre gli infortuni su di una determinata area aziendale, rendendo il processo più veloce ed efficiente. Inoltre grazie alla prevenzione degli incidenti, non solo si rende più sicuro il processo di lavoro, ma si riducono anche i costi associati agli infortuni che richiedono sia l’applicazione assicurativa, sia le spese mediche e chiaramente al calo della produttività´. Il monitoraggio digitale per le imprese, e ‘ormai diventata una pratica richiesta per legge pertanto le stesse inevitabilmente sono costrette ad adottarlo per evitare di incappare in delle sanzioni.  Sono tanti i sistemi digitali che vengono adottati dalle aziende per un controllo completo delle aree esposte ad un rischio per i lavoratori e creare un ambiente sicuro, ma ciononostante c’è chi pone la questione su di un piano etico riguardante la privacy per questo le aziende adottano misure coerenti e trasparenti per quanto riguarda la raccolta dei dati in quanto obiettivo primario dei datori di lavoro e ‘quello di adottare la tecnologia per tutelare la salute dei lavoratori riducendo gli infortuni sul lavoro .

. La Co.N.A.P.I. e ‘molto sensibile al tema ed infatti e ‘sollecita a raccogliere tutti i dati informativi per poi esercitare una funzione di trasmissione nel momento in cui si vanno a realizzare i corsi di Formazione sulla sicurezza sui posti di lavoro.